CapcomGamesPCPS4PS5Resident Evil 4 remakeXbox OneXbox Series X

Recensione del remake di Resident Evil 4

Recensione del remake di Resident Evil 4

Con i remake di RE2 e RE3 nella borsa, Capcom è ora al Remake di Resident Evil 4. RE4 è stata la voce che ha portato la serie in una nuova direzione interessante, con una telecamera da spalla e una maggiore attenzione all’azione. È stato un rischio audace che ha dato i suoi frutti con un enorme aumento dell’appello mainstream e del plauso della critica. Tuttavia, questa evoluzione è costata a Resident Evil gran parte della sua anima da gioco horror, che è stata ulteriormente sbilanciata con RE5 e RE6.

Con i migliori giochi di Resident Evil, il gameplay d’azione è magistralmente bilanciato con elementi horror, ma è un’impresa difficile. Ciò rende il remake di Resident Evil 4 ancora più impressionante, poiché Capcom ha fornito tutto ciò che ha reso l’originale così rivoluzionario e molto altro ancora.

Giocatore attento

Recensione del remake di Resident Evil 4

Fin dall’inizio è chiaro che si tratta di un’esperienza ampiamente rivista. Anche i veterani come me, che hanno rigiocato RE4 più e più volte, saranno sorpresi di quanto sia diversa l’apertura. Viene speso più tempo per sviluppare la polizia che scorta Leon e il loro destino è ancora più raccapricciante, preparando la scena per un remake che mira a iniettare una sana dose di orrore nell’avventura precedentemente camp di Leon. Certo, pronuncia ancora battute, ma questi momenti di leggerezza sono molto meno stridenti, spesso completando l’incredulità provata dal giocatore nei momenti di caos assoluto e scene di sangue gratuito.

L’espansione dell’intro stuzzica i contenuti aggiuntivi presenti nel resto del gioco, con aree rese più ampie e complesse. Ci sono molti enigmi aggiuntivi e un sacco di bottino extra da trovare. Ciò porta a un sorprendente aumento del tempo di gioco, con il mio tempo di gioco previsto di 14 ore che si trasforma in 20 ore. Inoltre, il sistema di classificazione, i costumi e le armi sbloccabili e le difficoltà più difficili invitano almeno a un replay.

Recensione del remake di Resident Evil 4

Mentre la storia ha ancora gli stessi ritmi, con Leon che si fa strada attraverso un villaggio spagnolo appartato per salvare la figlia del presidente degli Stati Uniti, Capcom ha dato ai filmati, agli ambienti e ai nemici dei bagliori nei modi più terrificanti. Nell’originale, era facile sentirsi superpotenti mentre Leon si faceva strada tra paesani e cultisti che si muovevano lentamente. Nel remake, nemici più astuti e aggressivi ti sciamano rapidamente fuori dall’oscurità e miniboss più duri compaiono nei momenti più scomodi, rendendo facile sentirsi sopraffatti. Sono morto cinque volte a difficoltà Normale e le scene di “You Are Dead” sono più brutali che mai, con Leon che spesso perde la testa.

Incontra il nuovo Leon

Recensione del remake di Resident Evil 4

Leon non è impotente, tuttavia. Mentre era un principiante in Resident Evil 2, ha trascorso gli ultimi sei anni ad allenarsi come agente specializzato, abile con le armi e il combattimento corpo a corpo. Ciò significa che può sferrare un pugno medio e sferrare un grosso calcio circolare, colpendo i nemici alla testa con una gamma di armi potenziabili. Sono inoltre disponibili varie opzioni di difficoltà e accessibilità, inclusa una generosa funzione di mira assistita, per personalizzare ulteriormente il livello di sfida.

Le novità del remake di Resident Evil 4 sono le meccaniche stealth. Questi sono abbastanza semplici, in quanto il nuovo pulsante per accovacciarsi calma il movimento di Leon e l’attacco con il coltello fornisce un’utile uccisione con un colpo da dietro. Devo ammettere che ero preoccupato quando il gioco mi ha lanciato per la prima volta in un tutorial stealth, ma è un elemento minore e puramente opzionale. All’inizio ero scettico, ma sono diventato grato per la capacità di abbattere un paio di nemici prima di essere inevitabilmente individuato dall’orda rimanente.

Recensione del remake di Resident Evil 4

Un altro nuovo meccanico che inizialmente mi aveva preoccupato è il degrado del coltello. Nell’originale, il coltello di Leon non si rompeva e veniva usato per conservare le munizioni mentre apriva le scatole e subiva occasionali colpi sfacciati a distanza ravvicinata. Nel remake, i coltelli possono durare solo così a lungo. Ha senso dato quanto è potente ora, con la nuova capacità di parare attacchi, uccidere i nemici con un colpo solo e infliggere molti più danni con colpi e tagli, ma sono stato comunque molto grato di sapere che è facilmente riparabile. Come con la furtività, alla fine ho imparato ad apprezzare le nuove funzioni del coltello.

Proteggi e sopravvivi

Recensione del remake di Resident Evil 4

Dobbiamo parlare di Ashley, la figlia del presidente. Probabilmente l’elemento più polarizzante dell’originale Resident Evil 4, Ashley richiede protezione per la maggior parte del gioco. Proprio mentre i giocatori si stanno abituando a controllare Leon e padroneggiare le sue abilità, il gioco lancia una palla curva con la vulnerabile Ashley.

Sulla carta, è geniale, poiché Ashley aggiunge un altro livello di difficoltà proprio nel momento in cui i giocatori si stanno appena mettendo a proprio agio, reintroducendo la tensione che si era lentamente allentata dall’inizio del gioco. Tuttavia, il modo in cui i nemici la prendono di mira e cercano di ucciderla o portarla via, può creare momenti frustranti facili da criticare.

Recensione del remake di Resident Evil 4

Detto questo, avendo ora completato il gioco, posso guardare indietro e dire che Ashley è stata enormemente migliorata per il remake. Il suo personaggio attraversa uno sviluppo prezioso durante la storia e sembra che ci sia più di una connessione tra lei, Leon e gli altri personaggi.

Ashley è anche più facile da proteggere, poiché non ha più una barra della salute da gestire e Leon può impedirle di lasciarsi trascinare con un rapido attacco di coltello.

Certo, il gioco sarebbe più facile con solo Leon, ma facile non è l’obiettivo qui. Invece, Capcom usa Ashley per costringere il giocatore a pensare in piedi e ad adattarsi. Potrebbe ancora essere un elemento controverso, ma sarebbe noioso senza la dimensione extra che porta.

Spazio per perfezionare

Recensione del remake di Resident Evil 4

Il remake di Resident Evil 4 non è impeccabile. Su PS5 ci sono opzioni grafiche per capelli più fantasiosi e ray tracing, ma ho scoperto che entrambe queste impostazioni hanno fatto scendere il frame rate sotto i 60 FPS e hanno introdotto una notevole balbuzie. Con quelle impostazioni disabilitate, tuttavia, il gioco rimane straordinariamente fluido in modalità frame rate, nonostante l’incredibile grafica.

Inoltre, non sono un fan dei progetti nemici ripetitivi. Ho ucciso lo stesso villico maschio con gli stessi identici vestiti ben 30 volte. Sarebbe stato bello vedere più varietà lì, soprattutto in un “remake” in cui ci si aspetta un’estrema attenzione ai dettagli e la massima rifinitura.

Recensione del remake di Resident Evil 4

I fan dell’originale saranno anche tristi nell’apprendere che non ci sono contenuti “Separate Ways”, il che significa che non potrai giocare attraverso i momenti chiave della storia nei panni di Ada Wong. Forse uscirà come DLC in futuro, come la modalità Mercenari con attacco a punteggio che è stata promessa poco dopo il lancio. Senza queste modalità, il remake sembra meno definitivo di quanto mi aspettassi, anche se il contenuto del gioco principale ampliato aiuta a rimediare.

Infine, mentre alcuni dei combattimenti contro i boss sono stati notevolmente migliorati, altri impallidiscono al confronto e mi hanno lasciato chiedere “È così?” Per la maggior parte, però, i boss principali e i miniboss sono fantastici e fatti sentire molto più minacciosi.

Verdetto finale

Il remake di Resident Evil 4 mantiene ciò che ha reso l’originale così buono, elevando in modo significativo la storia con elementi horror, la presentazione con grafica e prestazioni all’avanguardia e il gameplay con molti graditi miglioramenti della qualità della vita. Sebbene ci siano alcuni piccoli problemi che mi sarebbe piaciuto vedere perfezionati, questo remake supera le aspettative, bilanciando perfettamente l’azione con l’orrore e consolidando Resident Evil 4 come il mio gioco preferito della serie.

Positivi e negativi

  • Sana iniezione di orrore.

  • Il combattimento è più soddisfacente che mai.

  • Leon è ancora presuntuoso, ma meno supereroico.

  • Storia principale ampliata con gradite nuove aree ed enigmi.

  • Le opzioni di difficoltà e accessibilità sono belle da vedere.

  • Le nuove meccaniche stealth e di coltello non ostacolano l’esperienza classica.

  • Ashley è migliorata in ogni modo, sebbene sia ancora un fardello impegnativo.

  • Disegni nemici ripetitivi.

  • Alcuni combattimenti contro i boss deludenti.

  • Non così “definitivo” come speravo.

9

Il post Resident Evil 4 Remake Review è apparso per primo su GiochiPerTutti.

Articoli correlati
GamesindieIndie GamesnewsnintendoNintendo Indie WorldNintendo Indie World ShowcaseNintendo SwitchVideo Game News

Riepilogo del Nintendo Indie World Showcase

GamesnewsnintendoNintendo Indie WorldNintendo Indie World ShowcaseNintendo SwitchVideo Game News

Annunciate la data e l'ora di inizio del Nintendo Indie World Showcase

GamesMinecraft LegendsMojang StudiosNintendo SwitchOriginalsPCPS4PS5rtsVideo Game FeaturesXbox OneXbox Series X|S

Recensione di Minecraft Legends

CapcomGamesPCraytracingResident Evilresident evil 2 remakeResident Evil 3 remakesteamVideo Game News

Resident Evil 2 e 3 Ray Tracing rimosso dalle versioni PC su Steam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *